Giovedì 30 Marzo 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico
Sei qui : Le Origini Occitane

Le Origini Occitane 

Il Comune di Roccaforte fa parte della “nazione” occitana e costituisce, insieme ad altri comuni della alte valli Maudagna e Corsaglia, il lembo più orientale di quella regione che si estende dai Pirenei alle Alpi. Per comprendere la origine del nome dato a questa regione occorre tornare con la mente a Dante, che per classificare le lingue romanze prese spunto da come in esse venivano usate le particelle affermative. L insieme delle regioni dove si parlava la lingua d Oc venne chiamato appunto Occitania.


Nella alta Valle Ellero, a Prea, Baracco e Rastello (come a Fontane in Val Corsaglia e a Miroglio in val Maudagna) è parlato il “kyè”. Dialetto di chiara origine occitana, così chiamata dal pronome personale soggetto “kyè = io”.


Fai click qui per vedere un elenco bilingue dei mestieri del Presepe vivente.


La parlata ha avuto un riconoscimento ufficiale solo dal 1969 grazie all opera di valenti studiosi, quali ad esempio il Dott. Corrado Grassi dell'Università di Torino, il quale scrisse un articolo intitolato “Parlà du kyè: un isola linguistica provenzale nelle valli monregalesi”, con il quale il limite delle parlate provenzali veniva spostato fino alle Valli Ellero e Corsaglia. Le notizie in merito a questa lingua così differente dal piemontese giunsero a Grassi grazie al dott.G.B Basso di Prea, che come altri aveva evidenziato l importanza quale segno della lunga storia di cambi tra le alte vallate alpine e il versante francese, incoraggiandone la difesa e l'uso locale.


Un altro segno visibile della cultura occitana sono i fabbricati rurali a “tetto racchiuso”. Queste costruzioni, probabilmente di origine celtica, sono presenti oltre gli 800 metri ed entro confini ben definiti nell ambito delle Valli Monregalesi. Gli edifici si presentano con le due falde del tetto ribassate rispetto ai frontespizi. Questo accorgimento garantiva una buona resistenza della copertura in paglia al vento e alle precipitazioni atmosferiche. Per la loro tipicità e rarità queste opere rappresentano un patrimonio storico importantissimo. In Italia le uniche località doves si registrano altre sporadiche presenze di questo tipo sono Alpago e Neval (Bellunese), S.Andrea Pelago e Fiumalbo (Abetone). In Europa, queste costruzioni sono limitate alle zone dei Pirenei e del nord della Scozia.


Da “Le minoranze  linguistiche in Italia” di  TULLIO TELMON – ed. Dell Orso  - 1992:


"La Provenza non è che una delle sette regioni storiche che formano, nel Mezzogiorno della Francia, la grande area occitana. Grazie alla fioritura letteraria che nel Medioevo aveva fatto dei suoi trovatori l avanguardia ed il modello poetico e culturale dell intera Europa, la linguistica e la dialettologia ottocentesca e della prima metà del secolo XX avevano preso l abitudine di usare la sineddoche “provenzale” per designare tutte le parlate dell Occitania, anche quando, come è nel caso ad esempio del guascone, dal provenzale differiscono in realtà per numerosi  e non secondari aspetti.


Con una maggiore attenzione al rapporto tra parola e referente i dialettologi ed i romanisti di oggi preferiscono riservare il termine “provenzale” alle sole parlate della Provenza, cioè all area sud-orientale, distinguendolo così dal linguadociano, dal guascone, dal limosino, dall alverniate e, in taluni casi, anche dal delfinatese (chiamato anche Gavot, cioè dialetto di Gap) che spesso è considerato una semplice variante settentrionale del provenzale. Proprio al gruppo del provenzale alpino appartengono le parlate occitane presenti nelle valli alpine del Piemonte occidentale, dalla Valle di Susa a Nord fino alle valli Vermenagna ed Ellero a Sud; e proprio per le ragioni su esposte tali parlate possono essere indifferentemente definite con l iperonimo “occitaniche” o con l iponimo “provenzali”.

© 2014 Comune di ROCCAFORTE MONDOVI' - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune. - CMS Città in Comune by LEONARDO WEB - MANTA (CN)

COMUNE DI ROCCAFORTE MONDOVI'
Via IV Novembre, 1 - 12088 Roccaforte Mondovì (CN)
Tel. 0174.65139
Fax 0174.65671
Email: Invia una email ...
Posta Elettronica Certificata: Email Certificata P.E.C : Invia una email certificata ...
Codice ISTAT: 004190
Codice catastale: H407
Codice fiscale:
00478600042
Partita IVA:
00478600042
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 72Q0845046100000000831457
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento