Giovedì 30 Marzo 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico
Sei qui : Cenni Storici

Cenni Storici 

 

Roccaforte Mondovì sorge nella valle Ellero, una delle venti valli della Provincia Granda. Il vasto territorio (ha 8485), fiancheggiato a ovest dalla Valle Pesio e ad est dalle Valle delle due Frabose. Il comune è composto dal capoluogo, due frazioni (Prea e Lurisia) e numerose borgate (Dho, Bertini, Norea, Baracco, Rastello, S.Anna di Prea, Annunziata, Bonada, Rulfi, Ghirarde, Sacconi e Botti).


L’alta Valle Ellero è una zona di elevato pregio dal punto di vista della flora, per quanto riguarda la fauna la zona oltre che godere dei benefici della vicina presenza del parco naturale dell’alta Valle Pesio e Tanaro, ha un ottima vocazione faunistica.


Dal punto di vista storico le origini di Roccaforte risalgono alla prima metà del secondo secolo a.C., quando un gruppo di Liguri montani si stanziarono nella media valle Ellero lungo le vie di collegamento tra la bassa pianura Piemontese e la regione Ligure.


Dopo la caduta dell’impero Romano vennero fondate le prime chiese paleocristiane fra le quali, forse, la primitiva Pieve roccafortese, sulla quale successivamente sarebbe stata edificata l’attuale Pieve di S. Maurizio.


Il X secolo fu caratterizzato dalle incursioni saracene provenienti da Fraxinetum; i saraceni si stanziarono tra le Valle Ellero e la Valle Tanaro. Nel 1014 l’imperatore Enrico II concesse a Roccaforte all’abbazia di S. Benigno di Fruttuaria. Nel 1041 Enrico III pose Roccaforte sotto la giurisdizione del Vescovo di Asti. Nel 1210 Ottone IV concesse il Castrum di Roccaforte alla Badia di Bremme sotto il controllo del Vescovo di Asti. Nel 1347 tutto il Monregalese passò sotto l’influenza degli Acai, mentre Roccaforte passò alla fazione contraria, capeggiata dalle famiglie dei Della Valle e dei Bressano. Nel 1400 la zona era controllata dalla contessa Bianca di Savoia.


Le guerre del sale (la prima 1680 – la seconda 1699) sconvolsero l’area per un intero decennio.


La prima metà del settecento si caratterizzo per il brigantaggio, e per le numerose carestie ed epidemie, che portarono alle edificazioni di molti piloni campestri dedicati a S. Rocco e S. Giuseppe.


Nel 1794 le truppe napoleoniche giunsero nell’alta Valle, pronte a sferrare l’attacco sul Monregalese e con l’ingresso di Napoleone a Mondovì (1798), il conte di roccaforte Lorenzo Clerico, fu nominato Guardia Nazionale Repubblicana dell’Imperatore. Dopo la Restaurazione Roccaforte  passa nuovamente sotto il controllo dei Savoia.


L’alta Valle Ellero, come tutte le vicine Valli Monregalesi, fu indiscusso teatro dell’attività partigiana.

© 2014 Comune di ROCCAFORTE MONDOVI' - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune. - CMS Città in Comune by LEONARDO WEB - MANTA (CN)

COMUNE DI ROCCAFORTE MONDOVI'
Via IV Novembre, 1 - 12088 Roccaforte Mondovì (CN)
Tel. 0174.65139
Fax 0174.65671
Email: Invia una email ...
Posta Elettronica Certificata: Email Certificata P.E.C : Invia una email certificata ...
Codice ISTAT: 004190
Codice catastale: H407
Codice fiscale:
00478600042
Partita IVA:
00478600042
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 72Q0845046100000000831457
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento